B.F.Biassono-Sanga Milano 32-86 (10-24, 18-45, 26-69)

BiassonoTettamanzi, Iasenza, Fumagalli 3, Rossi 7, Frigerio 12,  De Ponti 3, Sallustio 2, Ottolina, Colombo, Giorgi 5. All.: Fassina

Milano: Gottardi 11, Stabile, Lepri 10, Frantini 20, Calastri 16, Valli 2, Falcone 3, Colli 14, Scouto 2, Cismasiu 8. All.: Pinotti

Si sapeva che sarebbe stato un debutto difficile e così è stato. Contro il Sanga, che lo scorso anno ha mancato la promozione in serie A1 sul filo di lana, le biancorosse sono rimaste in partita per un quarto e mezzo, salvo poi cedere di schianto fino al severo scarto finale di 54 punti.

L’inesperienza e l’emozione del debutto (tre esordienti assolute in A2 e un’età media di 17 anni e mezzo, la più bassa in assoluto dell’intera serie A) sono costate care alle ragazze di Fassina, che hanno sofferto a rimbalzo la maggior fisicità delle avversarie (ma questo sarà il tema di tutta la stagione) e hanno tirato con percentuali insufficienti.

Eppure nei primi minuti il BFB ha retto l’impatto delle più esperte avversarie, risalendo prima fino a -3, poi ancora a -6; quando però il Sanga ha infilato 6 punti consecutivi in meno di un minuto la partita di fatto si è chiusa.

Se l’impatto con la A2 è stato piuttosto violento, qualche buon segnale è comunque arrivato per coach Fassina, che solo da una settimana guida gli allenamenti e che era quindi ben conscio del fatto che difficilmente la squadra avrebbe potuto mostrare un gioco convincente.

Il turno di riposo capita a proposito: le ragazze avranno tempo per capire che, anche se le premesse non sono semplici, dovranno giocare ogni partita con il coltello tra i denti, senza pensare di avere di fronte avversarie più esperte, più alte e più pesanti di loro.

Quando capiranno questo, il BFB potrà recitare un ruolo in un campionato dove l’obiettivo resta la salvezza e soprattutto la crescita di un gruppo fatto in casa.

 

Il primo test arriverà tra due settimane (sabato 26 ottobre, ore 20), quando a Biassono sarà di scena Torino, altra pretendente ai playoff promozione. Cancellata l’emozione del debutto, la squadra dovrà dimostrare di aver fatto progressi fisici, tecnici e soprattutto mentali. Forza ragazze. 

+Copia link

0 Responses to “A2-Partenza in salita”

Cerca tra gli articoli

Inserendo una parola nel campo sopra e premendo 'Enter' potrai trovare tutti gli articoli a cui è riferita.

Articoli Collegati

» Leggi tutti