Geas Basket-B.F.Biassono 47-51 (11-15, 31-30, 43-42)

Biassono: Ceccato 11, Novati 12, Mariani 6, Berti 4, Romano, Celli, Giulietti 16, Paleari, Brambilla, Di Maio, Colombo, Viganò 2.

Con questa “grande” vittoria le nostre U15 si qualificano per la semifinale di domani delle ore 16:30 con la vincente del prossimo incontro tra Casale e Parma

Complementi alle ragazze e ai coach!

Al solito segue il commento del tifoso Maurizio Berti per il quale dovremmo pensare ad una rubrica dedicata per il prossimo campionato.

 

Welcome to the jungle

 

Certi giorni ti svegli e sai che sara’ un giorno diverso, particolare. Ieri era uno di quei giorni. Ti svegli, e cominci istintivamente a cercare di metabolizzare, di condire con ingredienti razionali quel boccone che sai che ti aspetta nel pomeriggio. Quanto sara’ indigesto da digerire ? Ci pensi su.

 

La ragione vole aiutarti a condire l’amaro boccone. Le nostre ragazze giocheranno contro le favorite del torneo, uno squadrone. Ci sovrastano dal punto di vista fisico. Nel corso della stagione, ci hanno battuto due volte su due. Piu’ che battute, ci hanno umiliate all’andata, ed al ritorno, dopo 20 minuti di dura resistenza e qualche piccolaillusione, ci hanno spazzato via. Una corazzata contro una barca a remi. Sono state le due sconfitte piu’ amare e terribili da quando questa squadra ha iniziato a calcare il rettangolo di gioco. Due sconfitte cosi’ ti fanno pensare che, forse, il passato, quello che vedeva i colori biancorossi vincere sempre in continuazione, quel passato forse non sarebbe piu’ tornato. Tristezza.  

 

La ragione insiste. Ti dice che solo 1 mese fa la squadra sembrava un pronto soccorso, un lazzaretto. Siamo arrivati tra le prime 8 in Italia nonostante tutti gli acciacchi, le fisioterapie continue, le urla ed i pianti di dolore che abbiamo ascoltato in questo ultimo mese. Sono andate oltre se stesse per arrivare fino qui. Sapevamo che il calendario ci avrebbe eventualmente portato a sbattere contro GEAS, e che questo era un traguardo bellissimo da raggiungere.

 

Insomma, la ragione ti aiuta a fartene una ragione. Ma a tratti, lungo la giornata, ti sembra di sentire qualcosa che bussa dentro di te, li’ in mezzo al petto, e piu’ in basso senti qualcosa che si attorciglia, sembra lo stomaco, e vorrebbe salirti in gola. La ragione gli grida di stare al suo posto, che le illusioni portano poi a grandi delusioni, che chi si accontenta gode….

 

Passano le ore, e dentro nel petto senti bussare sempre piu’ forte. Arrivi al palazzetto, entri, in campo ci sono gia’ le bianche, quelle alte e forti, che si scaldano. Le nostre….dove sono ? Passa qualche minuto. Il silenzio del Palamale’ viene rotto da un urlo che sale dai bassifondi. E’ quasi inumano, ma ti sembra familiare. Sono loro, le nostre biancorosse. Sembrano cariche…..

 

Spuntano lentamente sul terreno di gioco. Le guardi. Non tradiscono emozioni, non sono impaurite. Qualcuna accenna a un sorriso, ma solo con le labbra. Strano, i loro occhi non sorridono….fanno un po’ paura…..quella cosa che e’ dentro il tuo petto continua abussare, sempre piu’ forte…..

 

Ti chiedi quanto dovranno soffrire, e anche quanta sofferenza ti aspetta nei prossimi 40 minuti. Non guardi l’altra parte del campo, ne hai un po’ paura. Guardi meglio le tue, e vedi qualcosa dipinto sulle loro spalle. Sono due cuori. Li’, in bella mostra, sempre visibili. Vogliono che il cuore sia visibile in ogni momento, ad ogni compagna, da ogni angolo, per ricordarselo sempre che quel cuore fa la differenza.

 

Senti lo stomaco che ti sale in gola, e senti quella cosa in petto che ti dice che oggi, qui, al Palamale’, sara’ dura, dura come l’acciaio per quelle brave dall’altra parte del campo, perche’ le biancorosse non molleranno mai, mai, mai, per nessuna ragione al mondo. E ognuna ha 3 cuori con se’….

 

E poi capita che il cronometro sul tabellone segna 1 minuto e 50 secondi alla fine della partita. E lo guardi quel tabellone, lo leggi e lo rileggi, pensi che forse gli occhi ti ingannano, ma quella cosa nel petto ti dice che e’ tutto vero, ed il tabellone non fa che risponderti con lo stesso messaggio : Geas 47, Biassono 49. Siamo sopra, si e’ proprio vero, siamo sopra con il Geas a meno di 110 secondi dalla fine. Saranno i 110 secondi piu’ lunghi della nostra vita di tifosi, ed i piu’ lunghi mai vissuti dalle nostre in campo.

 

Flashback. E’ successo che lo tsunami biancorosso, nato a Montefiascone, dopo aver travolto Perugia e spazzato via Roma, si e’ diretto al nord, ha invaso la pianura ed e’ arrivato alle porte di Sesto. Qui sapeva di trovare il suo Himalaya. Si e’ mai visto uno tsunami scavalcare una montagna di 8000 metri ? No. Ma il nostro coach non ha mai smesso di studiare i fenomeni naturali e atmosferici. Ha capito che anche l’Himalaya puo’ avere i suoi punti deboli, e che gli tsunami possono essere organizzati a dovere per aprire delle falle ed insinuare dei dubbi che possono sgretolare le montagne piu’ impervie e granitiche.

 

A 110 secondi dalla fine, lo tsunami biancorosso aveva sommerso le avversarie. Erano sott’acqua. Le nostre ragazze le avevano trascinate a forza su un campo sconosciuto. Non piu’ i parquet ovattati in cui scivolare in scioltezza tra le maglie della difesa avversaria a vincere di tanti a pochi. No. Le nostre ragazze le hanno invitate prima, poi spinte, poi trascinate nella foresta, nella giungla, dove c’e’ poca luce, dove il campo e’ pieno di fango, dove le scarpe sono pesanti, ed ogni passo verso canestro sembra piu’ faticoso.Arrivate nella giungla, le nostre ragazze le  davano il benvenuto come facevano in Guns ‘n Roses…….  

 

In the Jungle

Welcome to the Jungle

Watch it bring you to your knees, knees

 

(Nella giungla

Benvenuta nella giungla

Vedo che ti mette in ginocchio, in ginocchio)

 

Nella giungla le cose cambiano, e si rischia di cadere in ginocchio, ma chi ci vive nella giungla sa come rialzarsi in frettaLe nostre ci hanno vissuto in questi giorni, nella giungla, e si sono ambientate. Le nostre avversarie, ci sono capitate per la prima volta. E hanno scoperto cose nuove. Hanno visto predatrici che rubano palla spuntando dal nulla.Hanno visto piccole che saltano a contendere il rimbalzo a quelle piu’ alte di 30 centimetri, e che non si staccano piu’ dal pallone. Hanno visto e sentito forti rumori di stoppate che giungono netti nelle orecchie di tutti. Hanno visto rosse inviperite che penetrano quella difesa bianca come fosse burro, uscendo da chissa’ dove. Hanno vistoquelle che prendono a tirare dalla linea dei 5 punti, e che la mettono dentro. Hanno vistoquelle che giocano con una gamba sola, e non se ne accorgono.

 

Non sai quanto e’ passato, una eternita’, ma non e’ ancora finita. Riguardi il tabellone, adesso segna 6 secondi, 6 maledetti secondi. Sempre gli stessi numeri, 47 loro e 49 noi. 6, solo sei stramaledetti secondi. La palla e’ nostra, rimessa a centrocampo. Palla in campo tra delle mani solide che aspettano solo il fallo, che arriva.

 

Guardi il tabellone : 3 secondi, e due tiri liberi. Lei va in lunetta, e in quelle mani ha il cuore di tutte le compagne, dei coach e di noi in tribuna. Non si guarda intorno, fissa il canestro, non dice niente, ma io ho sentito chiaramente che cosa ha pensato : “Ragazze, e’ stato bello e anche molto faticoso. Abbiamo trasformato la palestra in una giungla. Abbiamo dato l’anima, noi biancorosse molto piu’ di voi bianche. Adesso e’ tardi, e’ ora di andare. Noi vogliamo fermarci qui ancora un po’.  E abbiamo ancora tanta fatica da fare, sabato e domenica. E’ stato bello, ma la finiamo qui”. 2 su 2. 51 a 47. Vittoria.

 

Lacrime. Abbracci. Urla. Gioia. Davide ha battuto Golia. Il brutto anatroccolo ha battuto il cigno. Impossible is nothing, diceva uno slogan…. era vero, oggi l’abbiamo capito. Per molti dei tifosi, la piu’ bella partita di sempre da quando questa squadra e’ nata, per intensita’, per emozioni, per tutto. Biassono e’ tra le prime 4 in Italia.

 

Oggi abbiamo capito anche un’altra cosa, che forse e’ quello che sta facendo la differenza. Per le nostre ragazze, i 24 secondi non finiscono in campo. I 24 secondi continuano fuori dal campo. Iniziano ogni volta che si ritrovano con i loro coach a studiare le avversarie del giorno dopo con i video, conitunano quando ripeterono con ossessione maniacale gli schemi, magari nel corridoio dell’hotel con le linee del campo tracciate con l’adesivo. I 24 secondi li vivono quotidianamente facendo team, oppure con le cure del fisioterapista. I 24 secondi sono li’ nei timeout, quando nell’intensita’ del momento il coach trova le parole giuste per tirare fuori tutta l’energia possibile.

 

La strada prosegue, ora. Lo tsunami e’ entrato tra le montagne piu’ alte del pianeta basket U15. All’orizzonte, si vede un nuovo ostacolo. E’ tosto, tostissimo, a queste altezze sono tutte cosi’. Pero’ noi sappiamo qualcosa in piu’, ora.….Sappiamo non mollare, mai, mai, mai. Sappiamo che abbiamo le ali, e che possiamo volare. Sappiamo combattere nella giungla. Sappiamo che ogni secondo saremo li’, davanti a loro, senza paura.

 

Cosa ci resta da fare ? Due cose: il nostro grido. ‘NEMM. E poi, gentilmente, cortesemente, invitare le nostre avversarie a venirci a trovare…..nella giungla della nostra difesa. “WELCOME TO THE JUNGLE”.

+Copia link

0 Responses to “U15-SEMIFINALE!!!!”

Cerca tra gli articoli

Inserendo una parola nel campo sopra e premendo 'Enter' potrai trovare tutti gli articoli a cui è riferita.

Articoli Collegati

  • Claudio Giulietti

    U15-TERZO POSTO!

    B.F.Biassono-Libertas Moncalieri 55-46 (8-13, 29-28, 40-35)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 10/07/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-La strada giusta

    B.F.Biassono-Stella Azzurra Roma Nord 56-35 (16-3; 30-13; 37-24)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 04/07/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-Inferno, andata e ritorno

    B.F.Biassono-Madonna Alta Perugia 67-53(14-14, 24-34, 48-46)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 03/07/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-24 secondi

    B.F.Biassono-Umana Reyer VE 49-67 (7-22, 25-42, 44-52)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 02/07/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-‘Nemm …. questo…

    28x15. Sono i metri di lunghezza e di larghezza del rettangolo di gioco, del parquet.…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 01/07/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-Ultima di regular season

    B.F.Biassono–Comets MBS Milano 50–47 d.t.s (14-10; 22-16; 33-33; 41-41)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 29/04/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-Yoyo

    Sangabriele-B.F.Biassono 70-82 (9-15, 26-38, 49-65)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 21/04/2013

  • Claudio Giulietti

    U15-Termoli arriviamo

    B.F.Biassono-Costamasnaga 64-51 (20-16, 34-27, 47-40)…

    By: Claudio Giulietti
    Data: 14/04/2013

  • Alessandro  Sallustio

    U15 – Grazie “Special…

    Lunedì 25 marzo, presso la palestra di Albavilla (CO), anche la nostra Under…

    By: Alessandro Sallustio
    Data: 26/03/2013

  • Alessandro  Sallustio

    U15-Importante vittoria a…

    Milano Stars-B.F.Biassono 56-59 (12-19, 23-28, 41-45)…

    By: Alessandro Sallustio
    Data: 14/02/2013

» Leggi tutti